I pomodori dell’estate

Scritto da | 16 agosto 2016
Pomodori
Spargi la voce:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someonePrint this page

I pomodori, arrivati nell’antico mondo grazie a Cristoforo Colombo, sono oggi considerati prìncipi tra gli ortaggi in estate e l’Italia è tra i principali produttori al mondo di pomodori.

Nonostante siano presenti tutto l’anno, la loro stagione si estende da maggio a settembre, i migliori sono proprio ad agosto. Esistono moltissime varietà di pomodori: Pachino, Ciliegino, Piccadilly, Cherry, Maria Vittoria, Pomodoro giallo di Castelfiorentino, Pomodoro Invernale giallo, Pomodoro Canestrino, Pomodoro Costoluto fiorentino, Pomodoro “Borsa del castrato”, Pomodoro di Sorrento, Pomodoro Belmonte, Pomodoro Marmande.

I pomodori sono ricchi di vitamina A e C e sali minerali quali potassio, fosforo, calcio e sodio, nonchè di licopene, una sostanza resistente alla cottura importantissima per i suoi potenti effetti antiossidanti e antitumorali. Il licoprente presente nei pomodori è biodisponibile anche nel pomodoro cotto, per cui nulla è vietato nelle mille preparazioni culinarie che lo rendono protagonista per beneficiare delle sue virtù. Alcuni studi hanno dimostrato che una carenza di licoprente nelle donne possa favorire l’indebolimento osseo in menopausa.

I pomodori contrastano l’invecchiamento delle cellule e l’elasticita dei tessuti. In generale è meglio non consumare pomodori acerbi in quanto poveri di licoprene e ricchi di solanina, un alcaloide tossico che può provocare cefalea anche se non si soffre di allergie.

Un mix da ricordare quando il doposole è finito: pomodori e olio di oliva frullati insieme sono una naturale soluzione per placare i rossori della pelle dovuti all’eccessiva esposizione al sole.

 

Spargi la voce:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someonePrint this page