Semi oleosi: la scorta per la primavera

Scritto da | 29 Febbraio 2016
Semi Oleosi: una buona scorta di buoni ingredienti per affrontare la primavera senza fatica

Semi di Girasole, di Zucca, di Lino, di Papavero, di Canapa… un concentrato di nutrienti da assumere tutti i giorni.

In cucina gustosi, croccanti e colorati con tante diverse caratteristiche che si abbinano a ogni tipo di piatto, verdura, carne pesce, dolci, pani e focacce.
In natura ai semi è affidata la riproduzione della pianta per tanto sono naturalmente ricchi di nutrimenti essenziali per la crescita.
I semi oleosi sono ovviamente molto calorici e ricchi di grassi per tanto vanno ben dosati nella quantità all’interno della nostra dieta.

I grassi presenti sono insaturi e polinsaturi, in particolare omega-3 e omega-6, sono privi di colesterolo ma soprattutto sono capaci di ridurre la quantità di quest’ultimo nel nostro organismo: hanno la capacità di abbassare i livelli di colesterolo “cattivo” (LDL) e favorire l’aumento del colesterolo “buono” (HDL).

Sono una straordinaria fonte di proteine vegetali da utilizzare come possibile alternativa alla carne o al pesce, possiedono un elevato tenore di vitamine del gruppo B ed E e sali minerali come selenio, potassio, zinco, magnesio, manganese e rame.

Ecco alcuni semi oleosi nei dettagli, per aiutarvi a sceglierli in base alle loro caratteristiche.

Semi di zucca: hanno proprietà rilassanti, sono ricchi di  proteine, carboidrati e  grassi, contengono  vitamina E,  magnesio,  fosforo, ferro, selenio, manganese.
Semi di girasole: antibatterici e antinfettivi, i semi di girasole agiscono nell’organismo anche come antitumorali.
Semi di sesamo: alcalinizzanti, energetici, ricostituenti. In medicina popolare il sesamo è noto per la sua capacità di rinforzare la memoria e le facoltà intellettuali. Ricchi di  proteine, contengono abbondanti fibre, vitamine del gruppo B, magnesio, calcio, fosforo, silicio, ferro e contiene tracce di zinco.
Semi di lino: contengono fibre idrosolubili e mucillagini, sono ricche di Omega 3 e Omega 6, hanno un contenuto calorico più basso degli altri semi e sono una fonte importante di lignani, sostanze anticancerogene.
Semi di papavero: sono una fonte preziosa di  proteine e  grassi. Contengono manganese, Omega 6, vitamina, ma soprattutto sono un’importante fonte di calcio.
Semi di canapa: la varietà commestibile non contiene sostanze stupefacenti,  possiede invece tutti gli 8 aminoacidi essenziali per la sintesi proteica, ottimi anche come fonte di sali minerali di ferro, calcio, manganese e fosforo.
I semi di chia sono ricchissimi di calcio, ma anche di ferro, potassio, vitamina C e acidi grassi essenziali Omega 3, possiede un mix di componenti benefici che rende li semi utili nel controllo dei livelli di zuccheri nel sangue, contribuendo ad arginare l’aumento di peso.
Pinoli: hanno effetti antiossidanti, mantengono giovane la pelle e sano l’organismo, aiutano a ridurre l’appetito grazie all’acido pinolenico, una molecola che stimola la produzione intestinale di un ormone che indica al cervello che non ce’ bisogno di sentirsi affamato. Ma attenzione all’effetto bumerang, non bisogna eccedere nel loro consumo per via del loro alto contenuto calorico!